Fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio|Comune di Cumignano sul Naviglio

Fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio

Pochi giorni utili per partecipare: scadenza 24 maggio 2022

17/05/2022  - 46 letture     Territorio

Il  decreto-legge 27/01/2022, n. 4, art. 2 "Sostegni ter", ha previsto un nuovo contributo a fondo perduto per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio, mettendo a disposizione per l’erogazione un totale di 200 milioni di euro.

Le attività economiche per le quali è ammesso il contributo sono quelle rientranti nei settori identificati con i seguenti 15 codice ATECO: 47.19, 47.30, 47.43 e tutte le attività dei gruppi 47.5 e 47.6, 47.71, 47.72, 47.75, 47.76, 47.77, 47.78, 47.79, 47.82, 47.89 e 47.99.

Non si tratterà comunque di un “click day” in quanto, l’ordine con il quale perverranno le richieste non sarà preso in considerazione per l’erogazione del contributo. Infatti, se le risorse stanziate non saranno sufficienti a coprire l’ammontare richiesto attraverso le domande pervenute e ritenute ammissibili, il ministero dello Sviluppo ridurrà in modo proporzionale il contributo, tenendo conto delle diverse fasce di ricavi.

Il requisito base per poter accedere a tale contributo è presentare un volume di ricavi riferito all’esercizio 2019 non superiore a 2 milioni di euro ed una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30 percento rispetto allo stesso 2019. L’ammontare del contributo sarà inoltre differenziato in tre fasce, commisurate ad una percentuale variabile pari alla differenza tra l’ammontare medio mensile dei ricavi del periodo d’imposta 2021 e l’ammontare medio mensile dei ricavi del periodo d’imposta 2019.

La fascia più generosa prevede che il contributo sia pari al 60 percento della perdita per i soggetti con ricavi 2019 non superiori a 400 mila euro, per scendere poi al 50 percento per i soggetti con ricavi 2019 compresi tra i 400 mila euro ed 1 milione di euro, ed arrivare infine al 40 percento per quei soggetti con ricavi superiori a 1 milione e fino a 2 milioni di euro.

Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate dalle ore 12.00 del 3 maggio 2022 e sino alle ore 12:00 del 24 maggio 2022, esclusivamente tramite la procedura informatica, raggiungibile all’indirizzo che sarà comunicato su  questa sezione del sito del Ministero con congruo anticipo prima dell’apertura dello sportello. Allegati e moduli sono disponibili nella pagina sul  Fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio.

Chi potrà accedere saranno esclusivamente i rappresentanti legali delle società attraverso la Carta Nazionale dei Servizi. Alla data di presentazione della domanda l’azienda dovrà avere sede legale o operativa nel territorio italiano e risultare regolarmente iscritta e attiva nel registro delle imprese, non essere in liquidazione volontaria o sottoposta a procedure concorsuali, e non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019.

Qualora non venissero rispettati tali requisiti, la procedura informatica non permetterà l’inoltro della domanda.

In ultimo si elencano gli ulteriori dati richiesti per la compilazione della domanda:

  1. dichiarare il rispetto del limite massimo di aiuti consentito dal Quadro temporaneo;
  2. l'ammontare dei ricavi per gli anni d’imposta 2019 e 2021;
  3. l'ammontare medio mensile dei ricavi per i periodi d’imposta 2019 e 2021;
  4. l'importo del contributo richiesto;
  5. l'IBAN del conto corrente sul quale far accreditare il contributo, che dovrà essere intestato al richiedente.

Descrizione codici ATECO ammessi al contributo

  • 47.19 commercio al dettaglio in altri esercizi non specializzati esercizi specializzati;
  • 47.43 commercio al dettaglio di apparecchiature audio e video in esercizi specializzati;
  • 47.3 commercio al dettaglio di carburante per autotrazione;
  • 47.5 commercio al dettaglio di altri prodotti per uso domestico in esercizi specializzati;
  • 47.6 commercio al dettaglio di articoli culturali e ricreativi in esercizi specializzati;
  • 47.71 commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati;
  • 47.72 commercio al dettaglio di calzature e articoli in pelle in esercizi specializzati;
  • 47.75 commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati;
  • 47.76 commercio al dettaglio di fiori, piante, semi, fertilizzanti, animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati;
  • 47.77 commercio al dettaglio di orologi e articoli di gioielleria in esercizi specializzati;
  • 47.78 commercio al dettaglio di altri prodotti (esclusi quelli di seconda mano) in esercizi specializzati;
  • 47.79 commercio al dettaglio di articoli di seconda mano in negozi;
  • 47.82 commercio al dettaglio ambulante di prodotti tessili, abbigliamento e calzature;
  • 47.89 commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti;
  • 47.99 altro commercio al dettaglio al di fuori di negozi, banchi o mercati.

Maggiori informazioni sul  sito del Ministero dello sviluppo economico

Condividi:

Azioni:


Scrivici
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.


Valuta questo sito
Inviaci un feedback su sito e accessibilità.

torna all'inizio del contenuto